LAVORATORI STRANIERI, RISCHIO SLITTAMENTO PER IL CLICK-DAY 2024

E’ sempre più probabile il posticipo (forse di un mese) del click day con le domande per il 2024 degli imprenditori intenzionati a trovare manodopera straniera da impiegare nei vari settori delle proprie aziende grazie al Decreto Flussi. A determinare lo slittamento delle tre giornate precedentemente programmate per il 5, 7 e 12 febbraio, le 609.119 domande che hanno ingolfato gli uffici per l’immigrazione delle Prefetture giunte in occasione del primo click-day previsto dal Decreto, quello andato in scena a dicembre scorso con le domande inerenti al 2023: ben oltre il mezzo milione di richieste a fronte di 136.000 ingressi previsti per il primo dei tre anni di un Decreto che porterà nel totale a 452.000 nuovi ingressi di cittadini stranieri nel nostro paese (136.000 nel 2023, 151.000 nel 2024, 165.000 nel 2025).

Stando al numero totale delle domande giunte nel primo click day di dicembre scorso (quello per l’anno 2023), quelle per i lavoratori subordinati hanno oltrepassato le quote di cinque volte, per gli stagionale del triplo, per l’assistenza familiare e socio-sanitaria ce ne sono state 78.402 a fronte di 9.500 posti a disposizione. La regione che ha fatto registrare il numero di istanze giunte più elevato è stata la Campania con quasi la metà, di cui 198.000 inoltrate dal capoluogo.